gli approfondimenti
Torna agli approfondimenti

Elogiare i propri figli

Gli elogi sono un aspetto importante nella crescita di un bambino: infatti, attraverso gli elogi dei genitori i bambini apprenderanno quali comportamenti sono positivi e potranno condividere la gioia di aver ottenuto un successo. Inoltre, grazie a complimenti e incoraggiamenti, il piccolo avverte la fiducia e l’approvazione da parte di mamma e papà, e rafforza il proprio senso di sicurezza e autoefficacia. Vista l’importanza di questo argomento, è bene interrogarsi su quale sia il modo migliore per incoraggiare ed elogiare i propri figli.
Oggi, al contrario di quanto accadeva alcuni anni fa, capita frequentemente che mamma e papà, con l’intento di rendere più sicuro e sereno il proprio bambino, tendano a dispensare moltissimi elogi e complimenti. D'altra parte, se la carenza di complimenti ha effetti negativi, anche eccedere nell’elogiare il proprio piccolo può avere degli effetti indesiderati. Infatti, un bambino abituato ad essere sempre elogiato e “messo su un piedistallo” avrà un’idea poco reale delle sue capacità e farà fatica ad accettare situazioni di fallimento o di insuccesso. Inoltre, bambini abituati a ricevere continui complimenti dai propri genitori possono focalizzarsi troppo sulla ricerca di approvazione da parte di mamma e papà.

Qual è il modo migliore per elogiare il proprio bambino?
Per incoraggiare al meglio i propri bambini è importante chiarire sempre la motivazione dei nostri complimenti: da un lato questo permette al bambino di comprendere meglio le sue abilità, dall’altro rafforza l’idea che le lodi sono motivate da specifiche buone ragioni. Inoltre, i complimenti dovrebbero essere davvero sentiti e sinceri, altrimenti il piccolo potrebbe perdere fiducia nelle parole dei suoi genitori e nel reale significato di un complimento: elogi fatti distrattamente o in modo non sentito possono portare il bambino a sentirsi insicuro e poco seguito da mamma e papà. Infine, per essere efficaci, gli elogi dovrebbero essere preferibilmente rivolti allo sforzo del bambino nel portare a termine un determinato obiettivo: sappiamo, infatti, che è importante premiare la motivazione, l’interesse e lo sforzo del piccolo, oltre che il risultato raggiunto (un bambino potrà non eccellere in un’attività, ma se imparerà a sforzarsi per ottenere dei risultati, avrà acquisito una competenza molto utile per il suo futuro).
Infine, teniamo presente che i complimenti e gli elogi sono un buon modo per educare i propri figli a comportarsi nel modo migliore: in molti casi, infatti, elogiare i comportamenti che si apprezzano permette di raggiungere un obiettivo educativo più rapidamente di quanto non succeda semplicemente criticando i comportamenti indesiderati. In caso di azioni particolarmente importanti, si può anche rafforzare con altre persone l’elogio fatto privatamente al bambino (ad esempio, dopo essersi complimentati con il piccolo per aver riordinato i suoi giochi, in presenza del bambino si può riferire ai nonni o all’altro genitore il comportamento positivo).