gli approfondimenti
Torna agli approfondimenti

La merenda del bambino quando fa sport

L'alimentazione, si sa, riveste un ruolo importante per una buona prestazione sportiva.
E nel caso dei bambini bisogna anche tenere conto che le attività sportive si inseriscono in una giornata già piena di impegni scolastici. La merenda, quindi, diventa un pasto particolarmente strategico. “Bisogna sfatare il mito secondo cui quando si fa un attività sportiva bisogna mangiare di più di quando non se ne fa”. Questo è vero in caso di attività intensa e prolungata o in caso di attività agonistiche. Molte mamme invece fanno ancora l’errore di esagerare nella quantità di cibo proposta a merenda, perché sopravalutano il consumo energetico che un attività richiede e sentono il bisogno di “compensare” la fatica dei figli che fanno sport. E prima o dopo l’attività offrono ai propri figli panini imbottiti, pizzette, patatine, merendine e snack dolci accompagnati quasi sempre da succhi di frutta e brik di thè. Un pieno quindi di calorie, zuccheri, grassi. È, invece, preferibile puntare su una merenda semplice, digeribile che dia la giusta quantità di calorie. Come? Scegliendone una più ricca di carboidrati e più povera in zuccheri semplici e grassi, che rappresenti circa il 10-15% del fabbisogno calorico quotidiano. Meglio quindi lasciar stare merendine e snack dolci per la loro scarsa qualità nutritiva, e panini con affettati in quanto a lenta digestione.

Una giusta merenda potrebbe essere rappresentata da pane e marmellata o pane e pomodoro, un vasetto di yogurt al naturale o alla frutta con un po’ di cereali, una bella banana, un pacchetto di cracker, un bicchiere di latte parzialmente scremato con qualche biscotto secco o un paio di cucchiai di cereali, della frutta secca ma in piccola quantità.
Qual è il momento giusto per farla? Anche in questo caso non esistono regole universali, ma dipende dal tipo di attività sportiva, dall’orario in cui viene praticata e dalle abitudini del bambino. Importantissimo inoltre è il discorso dell’idratazione, in particolare nella bella stagione, bere prima e dopo l’allenamento, e se questo è particolarmente impegnativo, anche durante.
La bevanda migliore è sicuramente l’acqua