gli approfondimenti
Torna agli approfondimenti

La merenda a scuola

E’ iniziata la scuola e come ogni anno uno dei pensieri delle mamme riguarda la merenda di metà mattina. La merenda a scuola che rappresenta una pausa tra i due pasti principali, la prima colazione e il pranzo, deve fornire non più del 10% dell’energia giornaliera sottoforma prevalentemente di carboidrati. Oltre ad aiutare a mantenere buoni livelli di attenzione a scuola aiuta i bambini ad arrivare a pranzo con il giusto appetito. Per questo non deve essere abbondante e ricca in grassi. In alcuni casi è la scuola che fornisce la merenda e in base alle linee guida regionali e delle ulss di appartenenza propone spesso frutta di stagione, yogurt, pane comune. In tanti altri invece il bambino deve portarla da casa ed ecco allora alcuni suggerimenti utili considerando che non esiste ne l’alimento migliore ne quello sbagliato, tutto può essere inserito all’interno di un’ alimentazione variata e misurata.
Tra gli alimenti da suggerire c’è sicuramente la frutta fresca che per praticità può essere lavata e tagliata e messa in appositi contenitori, il latte che si trova anche in comode confezioni da 200ml con la cannuccia, i prodotti da forno tipo cracker, schiacciatine o grissini, barrette di cereali, biscotti secchi, il pane comune o ai cereali che può essere farcito con della marmellata e solo alcune volte, se soprattutto il bambino lo richiede, con una piccola quantità di cioccolata o con del formaggio fresco o del prosciutto crudo magro.
Lo yogurt può andar bene purché conservato in apposite borsette frigo per mantenere la temperatura, oppure lo yogurt che si trova in pratiche confezioni dove non c’è bisogno del cucchiaino e può rimanere fuori frigo fino a 4 ore.
E da bere? La bevanda migliore è l’acqua. Thè e succhi di frutta possono accompagnare la merenda in caso di attività fisica a scuola, mentre sono sconsigliate le bibite zuccherate.